Il primo portale in Italia sulla chirurgia

Il primo portale in Italia sulla chirurgia

Seno Piatto: Valorizzare Un Seno Piccolo

seno piatto
a
Marzo 17, 2021
a
Marzo 17, 2021

Perchè rinunciare alla propria femminilità e sexy appeal solo perché si ha un seno piatto?

Oggi sono innumerevoli le soluzioni che si possono considerare per ovviare a questo problema, si perché per molte donne rappresenta un vero cruccio, una fonte di disagio a tal punto da infierire anche sulle relazioni sociali.

Per chi è stanca di avere un seno piatto, la soluzione è rappresentata dalla mastoplastica additiva, un intervento chirurgico molto gettonato e apprezzato dalle donne per via degli ottimi risultati che si possono ottenere.

Grazie all’introduzione delle protesi mammarie ergonomiche dunque, si potrà nuovamente acquistare sicurezza e autostima.

Donne con poco seno e piatto che fare?

Spesso si definisce il seno piccolo e piatto poco attraente e che necessita di un maggiore volume del seno. In realtà ogni corpo è bilanciato a se stesso e così come c’è chi vuole ridurre il proprio seno ci sarà chi piace il seno piatto così com’è e chi invece vuole fare alcuni interventi.

Premettiamo che il seno piatto non vuol dire capezzolo piatto che sono due cose completamente differenti, comunque c’è da dire che:

  • Allattare al seno si può: allattare al seno il proprio pargoletto nonostante siano presenti le protesi mammarie si può e non è necessaria alcuna chirurgia al capezzolo. Se le protesi impedissero questo processo alquanto naturale, non avrebbero così tanto successo al giorno d’oggi. Secondo una recente ricerca infatti, pare che negli ultimi 25 anni a questa parte, le donne in tutto il mondo che si sono sottoposte al suddetto intervento sono state ben 2,5 milioni, insomma, non è un dato assolutamente da sottovalutare;
  • Difficoltà negli esami medici: se le protesi impedissero alla donna di diagnosticare un eventuale tumore al seno, la sanità avrebbe proibito la loro commercializzazione.

Seno piatto dopo allattamento

In caso si è insoddisfatti del seno piatto raggiunto post allattamento consiglieremo un colloquio preliminare con lo specialista medico chirurgo e aver fatto tutti gli accertamenti prescritti dallo stesso, quali analisi del sangue ed elettrocardiogramma, viene stabilita la data dell’intervento.

L’operazione dura all’incirca 1 ora o 1 ora e mezza, dipende dalla complessità dell’intervento. La paziente viene sottoposta ad anestesia generale o a sedazione profonda in modo tale che non avverta alcun dolore o disagio. Lo specialista esegue delle incisioni di pochi centimetri sotto la mammella e introduce le protesi. Naturalmente è doveroso precisare che possono essere diverse le aree da considerare per introdurre le protesi, sarà il medico stesso a stabilirlo durante la visita conoscitiva.

Ad ogni modo, l’introduzione avverrà gradualmente è adatto anche alle donne con un seno piccolo in quanto basti fare una pressione con le dita finché le protesi non si posizioneranno nel modo giusto.

Una volta che la protesi sono state introdotte si procede con la sutura di diversi punti.

Se la paziente è stata sottoposta ad anestesia generale dovrà stare in clinica almeno una notte.

Mastoplastica additiva post intervento

I primi giorni dopo l’intervento non saranno eccezionali, la paziente avvertirà qualche dolore, tuttavia basterà seguire scrupolosamente tutte le indicazioni del medico per accelerare il processo di guarigione.

Dopo l’operazione di mastopessi la paziente verrà medicata e fasciata. Oltretutto dovrà indossare un reggiseno sportivo in modo tale che gradualmente le protesi si posizionino nel modo giusto perché inizialmente il seno apparirà molto gonfio a causa della formazione di qualche edema. Si tratta di una condizione del tutto normale, per cui non c’è da preoccuparsi, tuttavia per qualsiasi tipo di sintomo, basterà contattare il proprio medico e tempestivamente consiglierà sul da farsi.

Tra le altre accortezze da considerare, bisogna evitare per qualche mese di indossare il reggiseno con ferretto perché è molto probabile che si possano formare delle piccole fibrosi nelle cicatrici, oltretutto è necessario evitare di compiere qualsiasi sforzo per 15 giorni, e bandire l’ attività sportiva per almeno 20 giorni.

Altri accorgimenti da considerare:

  • Evitare di esporsi al sole;
  • Eludere la possibilità di fare bagni caldi, saune o bagni turchi per qualche settimana;
  • Dormire sulla schiena per almeno 15 giorni.

Il seno piccolo non è un difetto!

Ricordiamo che il seno piccolo non è un difetto ma per molte donne può essere perfino molto seducente. Dipende tutto da come ci sentiamo noi e quali sono le nostre richieste.

In primis bisogna rivolgersi ad un medico chirurgo estetico affidabile che possa consigliare sul miglior trattamento da eseguire in base alla propria conformazione fisica. Per essere certi che si tratti di un ottimo medico, è necessario dapprima verificare la sua fama e poi confrontare le foto prima e dopo dell’operazione di ex pazienti in modo tale da farsi un’idea sulla sua operatività.

Occorre informarsi sulla struttura sanitaria dove avverrà l’intervento. Questo fattore è fondamentale in caso di seno rifatto naturale e non bisogna sottovalutarlo. E’ necessario assicurarsi che la clinica sia idonea sia per il pre che per il post intervento.

Infine, è bene diffidare delle cliniche estere. E’ vero che i prezzi sono molto più bassi rispetto alle cliniche italiane, ma non c’è da stupirsi se poi non vengono utilizzate le migliori protesi o l’intervento non vada come era stato programmato. Quindi, occhio a cui ci si rivolge!

Mastoplastica additiva prezzi

I prezzi possono variare in base a molteplici fattori, sicuramente la reputazione del chirurgo gioca un ruolo cruciale, ma poi sono anche da considerare altri elementi quali, il tipo di intervento che verrà eseguito, la tipologia di protesi utilizzate, eventuale degenza nella clinica, medicazioni, tutte le visite di controllo e medicazioni successive all’intervento..

Indicativamente il costo per mastoplastica additiva parte da 7.000€ ma può anche raggiungere gli 8.500€. Se poi alla mastoplastica additiva viene eseguito un intervento di mastopessi, meglio conosciuto con il termine “lifting del seno”, in tal caso la spesa da sostenere andrà oltre i 10.000€.

In caso si voglia spendere meno e avere differenti risultati c’è sempre il acido ialuronico al seno con inieizioni sicure e garantite.

Prima di seno, intervento?

Per legge a partire dai 18 anni di età è possibile sottoporsi ad un intervento di mastoplastica additiva anche in caso si ha una prima di seno ma molti specialisti non sono concordi, questo perché non sussiste un completamento dello sviluppo psico-fisico, quindi per molti di essi sarebbe auspicabile attendere almeno al compimento dei 22 anni di età.

Le visite specialistiche sono comunque aperte a tutte le età, anche se si è minorenni si può consultare ugualmente un medico specializzato in materia, purché sia accompagnato da un genitore. Un consulto per una scelta futura può rappresentare un’ottima soluzione per meglio comprendere l’importanza di un intervento.

In conclusione

Grazie dunque alle protesi mammarie, sarà possibile trasformare un seno piatto, e migliorare così la propria autostima e incrementare la propria sicurezza. Come è stato evidenziato nei paragrafi precedenti è doveroso affidarsi solo a medici competenti nel settore, solo così si potrà ottenere il risultato desiderato senza incorrere in probabili complicanze o rischi.

Scritto Da MigliorChirurgo

Questo articolo è offerto dalla redazione di MigliorChirurgo.
Ti potrebbe interessare:
Capezzolo Piatto E Allattamento
Capezzolo Piatto E Allattamento

La forma del seno e dei capezzoli di una donna possono variare in base a caratteristiche genetiche e strutturali. Il...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *