Il primo portale in Italia sulla chirurgia

Il primo portale in Italia sulla chirurgia

Rimozione Tatuaggi: Come Funziona e Costi

rimozione tatuaggi
a
Marzo 3, 2021
a
Marzo 3, 2021

Scopriamo come funziona la rimozione di tatuaggi dal proprio corpo attraverso una tecnica laser sicura e garantita dai migliori chirurghi e della medicina estetica.

I tatuaggi sono ormai di gran moda, e capita spesso che le persone si pentano della propria scelta anche a distanza di anni.

Fortunatamente perc ripensamenti ci sono diversi metodi per poter cancellare i propri tatuaggi indesiderati, andiamo a vedere quali sono.

Contrariamente a quanto si dice, i tatuaggi  non sono esattamente delle scelte indelebili, ma esistono anzi molteplici modi per poterli rimuovere definitivamente dal proprio corpo. Queste tecniche includono il laser, la rimozione chirurgica, il peeling chimico e la dermoabrasione. Nel corso di questo articolo esploreremo le diverse tecniche impiegate per la rimozione di tatuaggi e tutto ciò che è necessario sapere prima di sottoporsi ad un operazione di questo tipo.

Rimozione Tattoo Con Laser

I trattamenti al laser sono il metodo più comune per la rimozione dei tatuaggi.

Bisogna infatti sapere che un tatuaggio è costituito da migliaia di particelle di inchiostro che sono naturalmente depositate sulla pelle.

Normalmente, il nostro corpo si occupa da sé della rimozione delle particelle estranee presenti sulla superficie della nostra pelle, ma si da il caso che le particelle dei tatuaggi siano troppo grandi per poter essere rimosse da questo sistema.

Il trattamento a laser è in grado di cancellare i tatuaggi tramite queste particelle facendole in tanti piccoli pezzi, in modo che il nostro sistema immunitario riesca poi ad occuparsene da solo.

Come funziona il trattamento a laser?

Fondamentalmente, il laser colpisce le particelle d’inchiostro presenti sulla pelle con delle onde luce che scaldano le particelle e quindi causano la loro frammentazione in particelle più piccole che sono in grado di essere espulse dal sistema immunitario.

esempio di rimozione tattoo con laser

Solitamente, non si elimina un intero tatuaggio con una sola sessione, infatti in genere è necessario programmare più sedute al fine di rimuovere interamente il tatuaggio. Ovviamente, il numero di sedute varia in funzione delle dimensioni del tatuaggio da rimuovere e così vale per tutte le tecniche a laser come il laser per i peli del viso, tecnica già affrontata in passato.

Non soltanto la dimensione del tatuaggio, ma anche la sua forma ed il colore costituiscono degli elementi chiave nella durata e quantità totale delle operazioni, che in linea di massima varia da una soltanto a dieci. Alcuni colori sono molto più difficili da rimuovere ed in certi casi può essere difficoltoso eliminare completamente il tatuaggio.

Durata

Tra una sessione e l’altra comunque ci dovrebbero essere circa 6 settimane di tempo, così che il sistema immunitario abbia il tempo di assorbire le particelle rimaste per rimuovere il tatoo permanentemente.

Molti pazienti descrivono il trattamento a laser per la rimozione dei tatuaggi come un processo alquanto doloroso.

Vengono spesso riportate sensazioni come se una grande gomma venisse strisciata ripetutamente e forzatamente contro la pelle. In ogni caso, solitamente è un dolore sopportabile, al termine dell’operazione sarà possibile chiedere al medico di prescrivere delle medicazioni per la pelle.

Quando l’operazione giungerà al proprio termine, allora il paziente avrà una ferita di cui prendersi cura, chiaramente il laser è molto potente nulla a che vedere con tecniche similari quali esempi il laser co2 che può essere considerata una tecnica decisamente non invasiva.

Solitamente la procedura da seguire nel periodo post operatorio è la pulizia quotidiana con acqua e sapone, l’applicazione di oli antibiotici sulla ferita ed in seguito coprirla con una sorta di fasciatura finché essa non guarisce completamente. La fase di guarigione dura solitamente 5 giorni.

Il trattamento a laser non è il solo metodo per la rimozione di tatuaggi, ci sono infatti altri metodi che sono però più invasivi, motivo per cui vengono spesso messi in secondo piano; andiamo comunque a vedere quali sono.

Altri metodi per rimuovere i tatuaggi:

Dermoabrasione tattoo

La dermoabrasione è un metodo per la rimozione di tatuaggi di tipo chirurgico, infatti viene utilizzato uno speciale strumento medico (il dermoabrasore) con lo scopo di rimuovere gli strati esterni della pelle.

L’intento infatti è proprio quello di rimuovere la parte superficiale della cute, in modo da portare via anche le particelle di inchiostro e quindi il tatuaggio.

cancellare il tatuaggio

Si tratta di una procedura che dai pazienti viene tipicamente descritta come dolorosa, motivo per cui viene messa in pratica con un anestesia locale ed in certi casi generale.

Così come nella rimozione dei tatuaggi con il trattamento a laser, al termine dell’intervento sarà presente una ferita della quale sarà necessario prendersi cura. La pulizia della stessa con acqua e sapone, l’applicazione di oli antibiotici e la copertura della ferita sono i consigli che si ricevono più spesso dai chirurghi nel post-operatorio.

A differenza del trattamento a laser, le ferite possono impiegare maggiore tempo a rimarginarsi, infatti ci si può aspettare che scompaiano dopo 10 o 14 giorni circa.

Inoltre, anche con questo metodo per la rimozione del tatuaggio potrebbero essere necessarie più sedute per effettuare una rimozione completa.

Peeling chimico

Un altro metodo per la rimozione dei tatuaggi è il peeling chimico.

Per portare a termine questa operazione si utilizza l’acido tricloroacetico, che viene utilizzato per la rimozione degli strati più esterni della pelle,  e quindi anche le particelle di inchiostro.

Si tratta di una procedura tipicamente dolorosa, ma non richiede l’utilizzo di alcun anestetizzante durante l’operazione. Il laser in medicina estetica è molto utilizzato, vediamo esempio il laserterapia antalgica molto utilizzata dai chirurghi.

Proprio come abbiamo visto per le altre metodologie, anche nel peeling chimico al termine dell’intervento rimarrà una ferità di cui prendersi cura: l’approccio è sempre lo stesso, acqua e sapone, oli antibiotici ed un adeguata copertura della ferita saranno abbastanza. Naturalmente, sarà necessario seguire anzitutto gli accorgimenti consigliati dal chirurgo. Le ferite dovrebbero terminare il loro processo di guarigione dopo circa 5 o 7 giorni.

Escissione chirurgica

Nel caso di tatuaggi molto difficoltosi da rimuovere, si può optare per l’escissione chirurgica. Si tratta di una metodologia solitamente presa come ultimo tentativo, perché è la più invasiva di tutte. In questo caso si procede con l’asportazione della pelle che contiene il tatuaggio.

Per ovvie ragioni, questa tecnica è in genere utilizzata con tatuaggi di piccole dimensioni, e non è adatta a tatuaggi molto grandi. Quando la porzione di pelle interessata dall’inchiostro viene rimossa, si procede con la chiusura, tirando la pelle circostante all’apertura.

Questa metodologia di rimozione dei tatuaggi richiede un anestesia locale o generale in base alle dimensioni del tatuaggio, ed al termine dell’intervento rimarrà una cicatrice dove vi sono i punti di sutura.

I bendaggi applicati nella fase post operatoria devono essere tenuti per 48 ore, dopodiché la ferita deve andare pulita quotidianamente con acqua e sapone.

Cancellare un tatuaggio richiede tempo

Non esistono soltanto dei trattamenti di tipo medico per liberarsi di un vecchio tatuaggio in modo veloce che non piace più, infatti è possibile anche affidarsi ad un tatuatore professionista per la copertura del tatuaggio.

In questo caso sarà possibile mettersi d’accordo con il tatuatore per avere un tatuaggio che ricopra efficacemente quello vecchio, in modo che non sia più riconoscibile, ed allo stesso tempo sia un disegno piacevole.

Questo può richiede la progettazione di un tatuaggio con delle linee più pesanti e marcate, oppure più ombreggiature, o anche entrambe le cose. Come si ripete il trattamento a laser come può essere un trattamento di laserlipolisi è da considerare solo se viene fatto da un medico chirugo certificato.

Ci sono molti artisti, anche in Italia, che sono particolarmente esperti nella copertura di vecchi tatuaggi, dal momento che molte persone cambiano idea sui propri disegni su pelle. In questo caso il costo dipenderà naturalmente dalle dimensioni del tatuaggio, dalla complessità del disegno e dalla presenza di colori, lo stesso vale per le tempistiche richieste.

Ci sono dei rischi nella copertura di un tatuaggio?

Di fondamentale importanza è che ci si rechi da un tatuatore conosciuto e professionista per farsi rimuovere il proprio tatuaggio; ancora meglio è assicurarsi di sentire delle opinioni da parte di persone che si sono fatte coprire un tatuaggio proprio da quel tatuatore.

Nel momento in cui entri nel negozio, per prima cosa assicurati che vengano rispettate le norme igieniche, ad esempio che il tatuatore indossi dei guanti ed utilizzi strumenti correttamente sterilizzati. Se hai qualche dubbio o domanda, non esitare a chiedere delle delucidazioni.

In genere, gli unici sintomi che vengono riscontrati dopo essersi tatuati sono dolori e rossore nella zona trattata. Tuttavia, ogni trattamento ha i suoi possibili rischi, per quanto essi possano essere rari, e quando ci si fa tatuare è possibile andare incontro a reazioni allergiche nei confronti di certi colori come verde, giallo o blu (possono verificarsi anche a distanza di anni) oppure a cicatrici o infiammazioni, che possono essere anche permanenti e sono spesso causate da  tatuatori poco esperti.

Costi

Passiamo ora ad una domanda molto gettonata, ovvero il costo delle varie operazioni per la rimozione di tatuaggi. Naturalmente si vuole sapere a che tipo di impegno economico si va incontro prima di sottoporsi ad operazioni o trattamenti, ma è giusto precisare che non è possibile fornire un prezzario preciso, dal momento che ogni clinica varia nei costi.

costi rimozione tatuaggio

Tuttavia, è possibile riportare dei prezzi medi per ogni pratica; ad esempio, per il trattamento al laser, il prezzo per ogni seduta è di circa 150/200 euro, ed è bene ricordare che per la maggior parte dei tatuaggi saranno necessarie più sedute, quindi il prezzo oscillerà verso l’alto. Per quanto riguarda il peeling chimico ci troviamo in una fascia di prezzo simile sebbene leggermente più bassa, infatti si parla di un costo che oscilla dai 100 ai 130 euro a seduta.

La dermoabrasione è un’altra pratica che va svolta su molteplici sedute, che andranno concordate con il chirurgo in fase di colloquio, quindi bisogna calcolare il numero di sedute, che avranno un prezzo che si aggira tra i 200 ed i 300 euro cadauna.

Infine, vediamo il metodo chirurgico per la rimozione dei tatuaggi, ovvero l’escissione chirurgica. In questo caso il prezzo è simile alla dermoabrasione, e come al solito esso varia in base alle dimensioni del tatuaggio, ma ci si può aspettare un prezzo di all’incirca 200 euro.

Come già specificato, i prezzi sopra elencati non sono ovviamente prezzi di cliniche specifiche, ma piuttosto delle medie ricavate dai costi tipici per le rispettive operazioni che si trovano nelle cliniche italiane.

Se si desidera un prezzo più dettagliato o pinioni di medici (come questo), allora sarà necessario contattare una clinica e prenotare una visita con il chirurgo, dove sarà quindi possibile concordarsi sul numero di sedute ed avere un preventivo più dettagliato. Vi ricordo inoltre di affidarvi sempre a cliniche specializzate, non conviene recarsi da persone non esperte solamente per risparmiare in termini di costi.

Esperienze

Concludiamo questo articolo con 3 esperienze raccolte di rimozione dei tatuaggi. Le testimonianze sono reali ed i persone che hanno già fatto questo tipo di trattamento.

Opinione 1 rimozione tattoo tramite laser

“Ebbi il mio primo tatuaggio all’età di 18 anni, e mi piacque davvero tanto… per i primi cinque minuti! Man mano che l’età avanzava odiavo sempre di più quel piccolo tatuaggio sulla spalla, e fu solo quando iniziai a prendere seriamente in considerazione l’idea di sposarmi che decisi che dovevo veramente liberarmi di quel tatuaggio!

Ho iniziato a fare ricerche per la rimozione prima del matrimonio dal momento che volevo assolutamente liberarmene prima della cerimonia. Alla fine mi sono affidata ad una clinica che ha effettuato la rimozione con il laser, devo dire che è stato davvero doloroso, molto più che farsi tatuare… però ne è valsa la pena! Adesso il tatuaggio non si vede più, solamente se passo la mano sulla spalla riesco a sentire qualcosa, ma sono felicissima del risultato.”

Opinione 2 cancellazione del tatuaggio tramite laser

“Il mio tatuaggio lo feci sotto la pressione dei miei amici, durante una festa all’età di 22 anni. Devo dire che me ne sono pentito fin dal primo momento. Non era un tatuaggio molto grande, più o meno un altezza e larghezza di 7 centimetri, ma lo avevo sul braccio e ciò che rappresentava mi faceva sentire in imbarazzo.

A distanza di 11 anni ho deciso di togliere dalla mia pelle quel tatuaggio una volta per tutte, allora mi sono rivolto ad una clinica della mia zona per sottopormi ad un trattamento a laser. Sono state necessarie 3 sedute, svolte nell’arco di circa 5 mesi, ma a distanza di un mese dall’ultima seduta devo dire che i risultati sono oltre le mie aspettative!! Ha fatto molto male ma ora il tatuaggio è completamente scomparso, niente più che un brutto ricordo.”

Opinione 3 di eliminazione del tattoo

“Mi sono tatuata circa vent’anni fa e mi sono pentita dopo pochi mesi del tatuaggio che mi feci. Tuttavia all’epoca pensavo che forse facendo passare un po’ di tempo avrei imparato ad apprezzarlo… alla fine non ci sono mai riuscita, ho sempre rimandato il giorno in cui l’avrei dovuto rimuovere per paura del dolore e per pura procrastinazione.

Alla fine mi sono affidata al peeling chimico, il tatuaggio è stato rimosso nel giro di una seduta soltanto (era molto piccolo) ed è stato non poco doloroso! Ma alla fine sono contenta del risultato, sono passate tre settimane ed il tatuaggio è visibile soltanto se ci si avvicina apposta.”

Se sei alla ricerca del miglior chirurgo per rimuovere tatuaggi puoi contattarci e ti metteremo subito in contatto, gratuitamente, con uno dei nostri chirurghi raccomandati. La consulenza sarà gratuita.

Scritto Da MigliorChirurgo

Questo articolo è offerto dalla redazione di MigliorChirurgo.
Ti potrebbe interessare:
0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *