Il primo portale in Italia sulla chirurgia

Il primo portale in Italia sulla chirurgia

Fino A Che Età Cresce Il Seno?

Fino a che età cresce il seno?
a
Febbraio 28, 2021
a
Febbraio 28, 2021

È normale porsi certe domande su fino a che età cresca il seno nel periodo adolescenziale, essere curiosi del proprio corpo e chiedersi come esso funzioni e quanto durerà la crescita sono dei quesiti del tutto legittimi. Andiamo oggi a vedere quando il seno smette di crescere e tutto ciò che è necessario sapere sull’argomento.

Quando le ragazze si trovano nel periodo adolescenziale, capita spesso che si preoccupino di quanto il proprio seno possa crescere ancora, quale sia il suo potenziale, e quando smetterà di crescere.

Andiamo dunque a vedere delle linee guida per capire quando la crescita del seno inizia, quando smette dopo la pubertà e come il seno di una donna è in continuo cambiamento nel corso della sua vita.

A che età cresce il seno?

I nove anni sono l’età di crescita del seno durante la quale per la maggior parte delle bambine si può vedere un iniziale sviluppo del seno. La crescita del seno è un processo strettamente legato all’ereditarietà genetica, ed è uno sviluppo particolarmente delicato.

Bisogna prestare molta attenzione alla propria dieta durante questo periodo, in quanto evitare problemi di obesità o semplice sovrappeso in anticipo sul tempo può avere un impatto davvero salutare sulla crescita di un adolescente non soltanto da un punto di vista fisico, ma anche mentalmente, dal momento che si possono evitare notevoli disagi psicologici.

Ovviamente, questo non vuol dire che bisogna sottoporsi a diete fuori dal normale regime alimentare, bisogna anzitutto consultare un dietista così da evitare scelte sbagliate.

È stato infatti visto come i problemi di sovrappeso sono stati gestiti in maniera nettamente migliore quando non è stato il singolo individuo della famiglia a cambiare le proprie abitudini alimentari, ma l’intero nucleo ha cambiato la propria dieta.

Oltre ad essere salutare per tutti i membri della famiglia, questo approccio rende il cambiamento molto più facile per chi ne ha bisogno dal momento che non c’è nessun senso di esclusione, anzi ci si sente parte di una squadra che vuole raggiungere un obbiettivo comune.

Degli studi hanno anche dimostrato come delle ottime abitudini alimentari sono salutari anche dal punto di vista psicologico della persona, e si tratta di una variabile importante dal momento che l’adolescenza è un periodo molto delicato.

Fino a quando cresce il seno?

Abbiamo visto che la composizione del seno è un insieme di ghiandole mammarie che a loro volta sono circondate da tessuto adiposo. La ghiandola mammaria è il “motore” del seno, la sua posizione è centrale e si occupa della produzione di latte materno, che viene espulso grazie all’intervento dei dotti galattofori.

Il capezzolo invece è circondato dall’areola, che è dotato di molti muscoli al suo servizio, con il compito di inturgidirlo durante l’allattamento, in momenti di eccitazione sessuale ma anche in situazioni di freddo.

La formazione del seno come abbiamo visto inizia durante la pubertà, all’incirca dai 9 anni sino ai 12, ma si tratta di un processo di crescita molto variabile da persona a persona.

In seguito si verifica la prima mestruazione (menarca) ed il seno continua il suo processo di crescita sino a che la ragazza non arriva a circa 20 anni.

Per quanto riguarda invece il volume e la forma del seno, questi sono invece maggiormente variabili in funzione di fattori genetici e se non è di proprio gradimento la chirurgia plastica ed estetica permettono di rifarsi il seno in tutti i modi ma anche altre abitudini possono però avere una voce in capitolo; ad esempio l’alimentazione, l’attività fisica svolta, e lo stile di vita in maniera più generale possono avere un notevole impatto sullo sviluppo del seno.

Il seno ed il menarca

Capita non di rado che le ragazzine di età intorno ai tredici anni notino il proprio seno che ancora non ha iniziato a crescere, o che comunque fa dei progressi molto limitati. È normale a quell’età volersi sentir parte del mondo degli adulti ed essere più grandi, quindi diventare una donna, proprio per questo motivo infatti una seno  che ancora non cresce viene visto come un problema ed una fonte di considerevole disagio.

Bisogna anzitutto capire però che non tutti siamo uguali, la nostra crescita ha delle tempistiche differenti in base alla nostra genetica è possibile inoltre capire anche di più di quanto costa rifarsi il seno e spesso e volentieri non combaciano con le nostre aspettative che si rifanno sull’aspetto altrui.

Detto ciò, è importante che si capisca come avviene il processo di crescita in modo da poter essere più consapevoli sulla questione e quindi preoccuparsi di meno. Lo sviluppo del nostro corpo infatti è molto variabile per ognuno di noi, specialmente per quanto riguarda il lato sessuale di esso, ed il modo in cui affrontiamo questi cambiamenti (o non cambiamenti) dal punto di vista psicologico è molto influente sulla nostra crescita.

Il menarca, ovvero la prima mestruazione nella vita di una femmina, è un grande evento per la ragazza, ed ha un grosso impatto sia sul piano fisico che psicologico. Nel periodo prima al menarca infatti gli ormoni ovarici hanno lavorato a lungo sicché l’utero si predisponga alla possibilità di ospitare l’uovo fecondato. Questo vuol dire che il corpo ha subito delle notevoli variazioni e si tratta di un momento che influenza molto anche mentalmente.

Non c’è nemmeno nulla di cui stupirsi se inizialmente si verifica un ciclo irregolare. Molto spesso succede, ma tende a regolarsi da solo con il tempo. Si tratta comunque di un periodo delicato e per questo motivo è necessario assicurarsi che ci sia un controllo sulle proprie abitudini che lo stress potrebbe sbilanciare.

Il seno cresce fino a 25 anni

Anzitutto non c’è alcun bisogno di preoccuparsi, nonostante le tue coetanee possano già aver visto l’inizio del proprio sviluppo, ognuno ha le proprie tempistiche derivanti da fattori genetici, ci sono casi dove il seno ha smesso di crescere a 18, altri a 20, ed altri ancora più avanti di età. Tuttavia, è possibile affidarsi ad un endocrinologo al fine di farsi visitare e capire quali possono essere le motivazioni biologiche, ormonali o di altro tipo che stanno influenzando la crescita.

Una cosa di cui si parla davvero molto poco, sebbene sia estremamente importante, è la pillola anticoncezionale.

Questa pillola infatti, se assunta durante il periodo adolescenziale, può avere un forte impatto sullo sviluppo del seno, rendendolo più piatto e teso. È infatti molto controversa l’assunzione della pillola durante l’adolescenza perché può ostacolare il normale sviluppo corporeo.

Il seno può aumentare con l’età?

I tessuti connettivi ed i muscoli del petto hanno una grande influenza su quella che è la forma del seno, ed essi cambieranno come la persona cresce. Quando questi muscoli e tessuti invecchiano, il seno allora diventerà più cadente con il tempo, in questo caso la mastoplastica addittiva o le protesi rotonde possono combattere l’invecchiamento.

Mantenere un regime alimentare sano, fare esercizio fisico in maniera regolare ed indossare reggiseni della taglia corretta sono tutti metodi molto efficaci al fine di mantenere i tessuti ed i muscoli in ottima forma.

Avere un petto ed una schiena allenate può aiutare molto ad avere un seno in sodo e giovane rendedo possibile che aumenti anche con l’età o almneo a livello visivo risulti più armonico.

Il seno cresce all’improvviso solo durante l’allattamento

Al termine di un parto, con la montata lattea, il seno inizia il suo ciclo di produzione di latte materno. Questo vuol dire che il volume del seno può variare anche più volte nell’arco della singola giornata, ed è possibile sentire dei dolori ai capezzoli. Al termine del periodo di all’allattamento, i seni tornano alla forma che avevano prima della gravidanza e potrebbero essere meno sodi di quanto lo erano in precedenza.

È un processo del tutto normale, e se si rimarrà di nuovo incinta, ricomincerà il medesimo ciclo di crescita e produzione di latte nel seno.

Scritto Da MigliorChirurgo

Questo articolo è offerto dalla redazione di MigliorChirurgo.
Ti potrebbe interessare:
0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *